HomeStoriaPionieriOmbrelliOmbrellaiContattiInfo



Museo dell'Ombrello e del Parasole

Via Golf Panorama,3 28836 Gignese (VB)
Tel. +39 0323 89622
Tel. +39 0323 208064 (direct)
E-mail: museo@gignese.it
 
  • 1
  • 3
  • 5
Museo

Volti irrigiditi nella posa fotografica, incoronati da lunghe barbe e da baffi a manubrio, altri un poco più moderni e disinvolti: sono le effigi dei "PIONIERI" che il visitatore del Museo dell'Ombrello di Gignese incontra nell' itinerario storico dedicato al mestiere di Ombrellaio. PIONIERI: definizione riferita sempre a persone che hanno dato inizio a qualcosa d'importante ma anche, nel nostro caso, a uomini che hanno intrapreso una umile vita itinerante per vie lontane dalla propria terra. Così è stato anche per i vecchi Ombrellai del Vergante i cui nomi sono accompagnati, nelle citazioni del Museo dell'Ombrello, da quelli dei paesi d'origine.


Antonio Lavarini

G.Battista Righini

Giovanni Silvera Valle
     

Edoardo Martinetti

Eugenio Pattoni

Igino Ambrosini

Secondo le indagini fatte da Igino Ambrosini, risulta che le "dinastie" di Ombrellai della zona erano 170 - 180, distribuite tra le 52 località circostanti Gignese. Componenti di queste famiglie s'insediarono, col proprio lavoro, a Torino, Milano, Roma, Bari e altre città, dal Veneto, alla Liguria, alla Campania.Non pochi si spinsero in terre ancora più lontane, sia in Europa che nell'America del sud. Tra tanti Pionieri del Vergante, una doverosa citazione meritano le famiglie di Ombrellai del Comasco continuatori ancora oggi di questo artigianato evolutosi nel tempo in un'importante attività industriale.